Miracle Morning

Creare la propria Agenda – Bullet Journal

Maggio 4, 2019

“Tu sei nato per vincere, ma per essere un vincitore devi pianificare la vittoria, prepararti a vincere, ed aspettarti di vincere.”

Zig Ziglar

Qualche mese fa vi ho parlato di come stessi organizzando la mia agenda di maniera tale a organizzare non solo le mie giornate ma soprattutto poter riuscire a mettere nero su bianco i miei obiettivi. Per raggiungere queste mie prerogative, ho capito che dovevo passare per le seguenti fasi:

  1. Fare un quadro della situazione sui miei obiettivi
  2. Assegnare le priorità
  3. Strutturare il proprio obiettivo (attraverso la metodologia SMART –  prossimo articolo)
  4. Pianificare nel tempo i propri obiettivi
  5. Fare un bilancio mensile o trimestrale

Ed è proprio in questo arco di tempo che mi sono interrogata su quale potesse essere la migliore metodologia per non perdersi nel mio vortice di propositi.

Vi ho parlato del Metodo 3M in uno dei miei precedenti articoli, che per me sembrava già un ottimo strumento per il coordinamento delle mie attività, ma la creatività vuole sempre la sua parte ed ecco perché ho scelto piuttosto di creare la mia propria Agenda Bullet Journal.

Il concetto è semplice: su un quaderno di preferenza rigido puntinato ( Moleskine oppure Leuchtturm1917, disegniamo una trama con una penna, che servirà a localizzarci nel tempo. Questo stabilisce un “quadro minimo”, che ci permette du organizzare e trovare i nostri appunti, le cose da fare e gli appuntamenti su un unico supporto: il nostro notebook.

Le nozioni basiche per creare il Bullet Journal

  1. La pagina delle Keys: in questa prima pagina, si scelgono quali sono i simboli che si adottano nel proprio BJ per indicare eventi, compleanni, i compiti, gli appuntamenti sotto forma di simboli.
  2. The Future Log o pianificazione annuale: in un BJ non prendiamo nota degli eventi futuri poiché vengono creati come e quando, per farlo possiamo creare uno spazio dedicato al programma futuro. Se per esempio ho un appuntamento dal dentista (Ouch!) Tra due mesi. Lo annoto solo sul registro futuro specificando la data.
  3. Creazione del Monthly – ecco una delle cose che preferisco: il bullet Journal, esprimerà il vostro modo di essere, quindi non abbiate timore, siate voi stessi e colorate le vostre giornate. La struttura del mese sarà personale, vi sono tantissime idee sul modo di concepire il Monthly ed io ne ho trovata una che conviene a me, la vi assicuro che se siete ancor più creativi di me vi è tutto un mondo che vi si apre per esprimere la vostra genialità e personalità.
    1. Ogni mese porta con sé un mio momento spirituale, proprio per questo tra un mese e l’altro, dispongo di due pagine per appuntare una frase o un’aforisma che evoca il mio stato/percorso.
    2. Il calendario mensile, questo di solito richiede un’unica pagina, in cui alla data affiancherò un evento importante
    3. Il challenge del mese, ogni mese mi piace scegliere un piccolo challenge personale per ritmare il mio tempo, questa sfida può essere legata ad un obiettivo personale, professionale.
    4. Il Tracker del mese, questo vi permetterà di seguire sia l’andamento dei vostri obiettivi ed anche l’andamento della vostra healthy routine.
    5. Bilancio economico, le entrate e le uscite sul piano finanziario
  4. Creazione del Daily: in questa fase dovrete costruire lo spazio di scrittura per l’organizzazione delle vostre giornate, all’inizio come nella maggior parte dei case sperimenterete diverse tipologie di organizzazione e in una seconda fase troverete una specifica trama adatta a voi.

Per darvi qualche idea vi riporto di seguito qualche esempio in formato immagine per entrare nel fantastico mondo del Bullet Journal 😉

 

 

          

XOXO – I just Woke UP

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply