CRESCITA PERSONALE LIFESTYLE

Il corpo è un regalo, l’anima una conquista…

Gennaio 8, 2019

Il termine anima è la versione femminile di animo, la cui etimologia è riconducibile al latino animus, con il significato di spirito, che a sua volta corrisponde al greco ἄνεμος (anemos) = vento.
L’anima quindi è quel principio presente in tutti gli esseri viventi, talmente ineffabile che gli antichi non seppero indicarla se non ricorrendo all’idea del vento, la cui presenza non essendo visibile è provata dagli effetti che provoca e non dalla diretta percezione di essa.

Solo il viandante che ha peregrinato nel suo infinito mondo interiore potrà accostarsi all’Anima, scoprendo che per anni altro non ha fatto che cercare Lei, poiché Lei è dietro e dentro ogni cosa. I viaggi, si fanno per cercare Anima e le persone si amano in quanto simboli di Anima.
Carl Gustav Jung

Quando ci riferiamo all’anima umana, diciamo che essa è connessa con l’energia divina che circola in noi. È ciò che ci rende vivi e coscienti. L’anima individuale, connessa all’anima universale, è il veicolo del nostro Essere, attraverso le nostre diverse incarnazioni. È distinto dal nostro corpo e dalla nostra mente. Incarna la nostra natura spirituale, la nostra connessione con il divino. L’anima è immateriale, pura e nobile. Dà un senso alla nostra esistenza, al nostro passaggio qui sulla terra.
La nostra anima conosce la verità su di noi. Conserva tutto ciò che abbiamo percorso durante i nostri vari passaggi nel mondo terrestre. Si ricorda chi siamo e cosa siamo venuti a realizzare qui. Dal momento che è collegata all’Anima Mundi, a differenza del nostro corpo e della nostra mente, vede la vita in un modo diverso. Lei sa che il nostro obiettivo è quello di evolvere e lei sceglie le esperienze necessarie per raggiungere la nostra leggenda personale.

L’anima vuole solo il nostro bene. Non è qui per affrettarci o spaventarci. Lei si trova nella nostra dimensione presente e si manifesta con quelli che comunemente chiamiamo segni.. lei è onnipresente e aspetta che le chiediamo aiuto per guidarci sul nostro cammino. Quando discutiamo con questa parte del nostro Sé, ci immergiamo nel cuore di noi stessi. È in questo spazio interiore che emergono le risposte a tutte le nostre domande.

La nostra anima comunica con noi sotto forma di pensieri, sentimenti e i segni. Questo è il modo attraverso il quale si esprime. Ora, come ascoltare il suo messaggio? Come comunicare con lei, intenzionalmente? La risposta è semplice, anche se difficile molto spesso da mettere in pratica. Secondo sempre il mio di percorso ci ho impiegato ben 28 anni a capire che per comunicare con la nostra anima bisogna essere  pienamente consapevoli, prestare attenzione al momento presente. Poiché l’anima ama la tranquillità, rimane lontana da disturbi, pettegolezzi, pensieri negativi. Sa cosa le è utile e cosa non la aiuta. Lascia da parte il dominio dell’ego e della mente e si concentra sull’essenziale. Lei comunica con noi quando ci calmiamo, sia esternamente che internamente. Sussurra i suoi messaggi quando sente che stiamo davvero ascoltando.

Per essere in grado di ascoltarla, dobbiamo imparare a calmare il chaos che predomina nella nostra vita. Riuscire a far tacere il tumulto mentale ed emotivo di quello che ci circonda e aprire la porta del nostro Io interiore e varcare la soglia, per trovare la pace interiore e poter comunicare con Lei. Quando siamo in grado di immergerci in uno stato di assoluta tranquillità, la nostra anima si manifesta in tutta la sua magnificenza. Sentiamo il nostro Essere vibrare ad una nuova e più alta frequenza. Solleviamo le nostre vibrazioni e entriamo in contatto con l’energia della Sorgente. Quando entriamo nel nostro spazio interno, osserviamo che tutto scorre naturalmente, senza che noi dobbiamo fare alcuno sforzo. Abbiamo imparato a combattere nella vita e a compiere sforzi fenomenali per raggiungere i nostri obiettivi. Quando scopriamo di avere in noi un luogo di puro relax, dove tutto arriva facilmente e semplicemente, possiamo lasciare che le nostre vecchie abitudini si esauriscano. Possiamo imparare a nuotare con la corrente, invece di sopravvivere.

Ci sono molti modi per connettersi con la nostra anima, ma il primo passo è sempre lo stesso: essere nel momento presente. La nostra mente ama vivere nel passato e nel futuro.  Potremmo dire che il suo passatempo preferito è spaziare nel tempo, rielaborare vecchi eventi e/o immaginare il  futuro. Non accetta che l’unica realtà, l’unica dimensione in cui esistiamo si limiti all’istante presente.

Eppure è propio cosi non vi è dimensione più reale che il momento presente, che si rivela essere un dono. In questo spazio, creiamo la nostra realtà, momento per momento. Con ogni nuovo pensiero, ogni nuova parola; grazie alle nostre azioni, ai nostri sentimenti e alle nostre vibrazioni. Quando entriamo in questo spazio, la nostra anima comunica con noi. Ci ispira, ci guida e ci dà forza. Ci mostra la via migliore per la nostra evoluzione, ed è in questa dimensione spazio-temporale che  stiamo ascoltando i messaggi e le chiamate della nostra anima.

Domandatevi in questo preciso momento quando sieste stati realmente scossi da qualcosa nella vostra vita, che sia stato un momento positivo o un momento malinconico, poco importa..chiedetevi realmente quale sia stato il punto comune di questi istanti..

L’essere mente, corpo e anima nella stessa dimensione che chiamiamo volgarmente l’istante presente, spesso non consapevoli dell’importanza e del valore che questo lasso di temo è l’unica realtà in cui veridicamente ESISTIAMO.

 

 

Due citazioni che penso  racchiudono con grande saggezza questa filosofia di pensiero e che portano a  riflettere su quanto detto..

Il passato ci appartiene, ma noi non apparteniamo al passato: noi siamo del presente. Costruiamo il futuro, ma non siamo del futuro.
(Mahatma Gandhi)

Il presente è il punto nel quale il tempo tocca l’eternità.
(C.S. Lewis)

A tutti coloro che stanno ascoltando.. #CarpeDiem!

 

XOXO Alessia_I juste Woke Up

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply