CRESCITA PERSONALE Sotto un cielo stellato

Sotto un cielo stellato

Dicembre 25, 2018

Le stelle e gli astri avevano visto giusto per questo 2018

 

E se parlassimo di astrologia…

L’astrologia, il cui nome deriva dal greco antico ἀστρολογία (astrologhía = aster / astròs [stella] + logia [discorso]), è un complesso di credenze e tradizioni, prive di fondamento scientifico, che ritiene che le posizioni e i movimenti dei corpi celesti rispetto alla Terra influiscano sugli eventi umani collettivi e individuali. L’astrologia è inoltre usata per il riscontro di caratteristiche comportamentali delle persone, in base alla loro data e località di nascita (“tema astrale” o “psicoastrologia”)

Tutto è determinato da forze sulle quali non abbiamo alcun controllo. Vale per l’insetto come per gli astri, esseri umani, vegetali o polvere cosmica; tutti danziamo al ritmo di una musica misteriosa, suonata in lontananza da un pifferaio invisibile.

Albert Einstein

Mi piace un sacco pensare che facciamo parte di un universo che ha delle proprie leggi, ad oggi tantissime ancora da definire e da dimostrare..so che tantissime persone sono scettiche all’astrologia eppure io sono dell’idea che essendo un tutt’uno con l’universo non possiamo pensare di non rispondere a delle leggi naturali. Mi spiego meglio, forse più facile con una dimostrazione, prendiamo l’esempio della marea:

La marea è un fenomeno naturale periodico, scientificamente dimostrato,  costituito da ampie masse d’acqua che si innalzano (flusso, alta marea) e abbassano (riflusso, bassa marea) anche di 10-15 metri con frequenza giornaliera o frazione di giorno  dovuto alla combinazione di due fattori: l’attrazione gravitazionale esercitata sulla terra dalla Luna & la forza centrifuga dovuta alla rotazione del sistema Terra-Luna intorno al proprio centro di massa.

Se il mare modifica la sua entità rispetto a dei fattori esterni, perchè l’essere umano dovrebbe essere esonerato da tali leggi? La paura dell’ignoto, il timore di non poter essere del tutto padroni del nostro destino potrebbe portarci a non prendere coscienza che la natura, le stelle, la luna, il sole, l’universo nella sua totalità abbiano un forte impatto sul nostro quotidiano?

Ieri sera ero a cena con un’amica e parlavamo di cosa gli astri prevedevano per il 2019 e lei mi ha parlato dell’astrologo che segue Rob Bresny , mi è piaciuta molto la sua chiave di lettura degli astri, molto poetica e introspettiva. Stamattina curiosa ho cercato cosa aveva potuto leggere negli astri per il segno acquario… e sinceramente ho pensato WoW sta parlando proprio di me:

Spazio all’interiorità. “Il 2018 ti offrirà l’opportunità di diventare più potente occupandoti della tua salute mentale, di diventare più ricco coltivando le tue aspirazioni spirituali, e di generare più amore dando prova di saggezza e di rigore morale nella tua ricerca del denaro e del potere”.

Se dovessi riassumere quest’anno in qualche parola, direi: Risveglio Spirituale oppure secondo la frase che ha dato vita a questo mio piccolo blog

I didn’t change, I’m just woke up

Il 2018 è stato per me un anno di forte crescita sul piano personale, un momento per riconciliarmi con me stessa e poter far fronte alle nuove sfide che mi ripropongo per questo imminente 2019!

Coincidenza o veridicità?

La mia amica mi ha detto che ogni settimana Brezny oltre a presentare l’oroscopo della settimana, propone un tema su cui riflettere… Adoro!

Ecco di seguito l’oroscopo per noi del segno Acquario e qui il link per accedere anche agli altri segni 😉

In Islanda molte persone scrivono poesie, ma poche le pubblicano. C’è perfino una parola per indicare chi mette le sue creazioni nel cassetto invece di proporle al pubblico: skúffuskáld, che significa “poeta da cassetto”. C’è qualcosa di paragonabile a questo nella tua vita, Acquario? Produci qualcosa di buono che non condividi mai? C’è una parte di te di cui vai fiero ma tieni segreta? Un aspetto delle tue avventure che è importante ma rimane privato? Se è così, il 2019 sarà l’anno in cui potresti cambiare idea.

Uno dei miei sogni è sempre stato scrivere, mi son sempre detta che sono nulla e che tutti hanno voglia di diventare scrittori, poeti, musicisti, ballerini, modelli e che forse era soltanto un altro sogno inculcato dalla nostra società… eppure tre anni fa provai a scrivere ma avevo troppe barriere mentali, le parole che risuonavano nella mia mente erano io non ho talento.

A partire dalla seconda metà del 2018 qualcosa in me è cambiato, mi sono voluta dare una possibilità, basta nascondersi dietro a finte barriere, basta continuare a seguire una voce interiore che mi diceva che dovevo restare al mio posto, non osare, perchè tanto non ne sarei stata capace..ho voluta dare una scossa alla mia vita..Ho seguito i segnali del mio vero Io interiore che mi ha riportato la dove 3 anni fa avevo rinunciato..

Scoprendo così il valore della parola RESILIANZA

«Quando la vita rovescia la nostra barca, alcuni affogano, altri lottano strenuamente per risalirvi sopra. Gli antichi connotavano il gesto di tentare di risalire sulle imbarcazioni rovesciate con il verbo resalio. Forse il nome della qualità di chi non perde mai la speranza e continua a lottare contro le avversità, la resilienza, deriva da qui.»

Pietro Trabucchi

A presto!
XOXO

 

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply